Saturday, 1 March 2008

La lunga vita di Marianna Madia


Quando ho letto il lancio Ansa devo dire che mi sono impressionato:

"PD candida capolista giovane ricercatrice", e subito mi sono immaginato una vestita con camice bianco e provetta in mano, con un bel dottorato appeso dietro alla scrivania.

Alcuni giorni dopo scopro che la "ricercatrice" risponde al nome di Marianna Madia e che tutto è tranne quello per cui viene spacciata. Cioè la cosa che mi fa incazzare di più è che Marianna non è la ricercatrice che si è fatta strada con le unghie a scapito di tutto e di tutti, ma
solo la più classica delle figlie di giovani rampolli che hanno affrontato incredibili difficoltà nella vita, come ad esempio il doversi versare da soli l'acqua a tavola.

Ma torniamo a Marianna. Si perchè alla fine me ne sarebbe fregato poco, ma poi vado a vedere il Corriere online e ci scopro una bella intervista alla signorina Madia tutta incentrata sul problema che lei in realtà sia proprio solamente la figlia di.

A questo punto starete dicendo: ma figlia di chi? e diccelo cazzo! allora Marianna è figlia di Stefano Madia, di professione attore/giornalista/programmista-regista in causa con mamma RAI. Questo ce lo spiega bene Marianna stessa nell' interview al Corriere, per poi aggiungere che era comunque un precario (Walter la sta già iniziando a dovere...). Mah che dire, certamente possibile, salvo che l'essere precario in RAI non gli ha proibito di mandare la figlia ad un Liceo romano francese, una roba da ricchi snob insomma...

Marianna spiega erroneamente che si tratta di "...scuola pubblica francese..." soprassedendo al fatto che per la stagione 2008/2009 la retta del liceo sia di circa 4.000 Euro. Beh meno male che Bertinotti ha la sua cosa rossa, altrimenti gli sarebbe venuto l'infarto, anche se ormai è prassi comune da una certa parte politica lanciare strali contro la scuola privata sulla pubblica piazza e poi andarci a scrivere i figli alla chetichella. Tanto per farvene un'idea leggete l'articolo di panorama "Scuola Privata: quei compagni nelle aule più esclusive"


Ma torniamo a Marianna e la sua intervista, perchè c'è ancora molta carne da buttare sul fuoco. Scopro infatti che mentre scrive la tesi universitaria va ad una conferenza dove incontra Enrico Letta e la sua Arel. Infatti nel web circolano voci che fosse stata assunta da questi qui...invece no, ce lo dice lei, ha solo accettato un ulteriore invito e ha portato un curiculum (attenzione che a questo punto non si era ancora laureata). Un mese dopo la chiamano, et voilà, il gioco è fatto.

Beh, mi sembra un ottimo spot per i giovani, me lo vedo già..."Sei prossimo alla laurea? fai come MM, stampa un curriculum!"

DICO MA SIAMO TUTTI IMPAZZITI?

Te lo dice candidamente: ha stampato un curriculum e poi l'hanno chiamata! e quello scemo del Corriere mica le ribatte, "scusi, ma lei è cosciente del fatto che milioni di giovani laureati stampano e inviano miliardi di curriculum senza ricevere risposta alcuna? in cosa sono diversi da lei?"

Ti rispondo io: il cognome. Eh si perchè io che non ho parenti illustri ho penato per trovare il mio primo lavoro (a tempo determinato) e penato ancora dopo anche se già avevo un pochettina di esperienza.

Marianna no, lei stampa e va. Sarà che il papà nel frattempo era diventato consigliere comunale a Roma nella lista di Veltroni? Sarà che gli zii sono avvocati di grido a Roma (difendono anche Sandra Lonardo in Mastella)?

Mah, vabbeh crediamo pure alla storia del CV, perchè tanto quello che viene dopo è ancora meglio perchè Marianna brucia le tappe e diventa consulente della Presidenza del Consiglio (sempre dietro Gianni Letta). Ora sappiamo bene cosa voglia dire essere consulente esterno di una pubblica amministrazione: raccomandazione politica. Specie se ci arrivi a 25 anni la cosa tende a puzzare parecchio.

Non paga, le danno pure un programma televisivo che si chiama eCubo e va in onda quando la gente normale già dorme da parecchie ora. Ma non è questo
il punto. Ma come cavolo fa una di 27 anni ad averci un programma tutto suo? Sarà che fa di cognome
Madia?

Minoli, stammi a sentire! Anche io ho due o tre idee di programmi, posso venire in RAI?

Ridicoli, semplicemente ridicoli. Poi la gente finta-perbenista si scanna sulle telefonate Berlusconi-Saccà. Ma andate tutti a quel paese.

Comunque tornando all' intervista che fa da filo conduttore a questo post scopro che Marianna ha in comune lo stesso fisioterapista di Francesco Cossiga (scommetto
che lavora in un ospedale pubblico e non in uno studio privato...ok forse no) e che era la donna di Giulio Napolitano, noto per essere un professore all' Università di Roma Tre nonche figlio del Presidente della Repubblica. Niente male. Purtroppo pero, come ammette anche lei, "sono stata a cena, sul Colle, una sola volta."...veramente un peccato Marianna, visto quanto ci costa mantenere Giorgio e Cloe potevi approfittare delle legioni di cuochi presidenziali.

Insomma questa "giovane ricercatrice" in realtà e solo ed unicamente la più classica delle raccomandate politiche che si vedano in giro di questi tempi, svergognatamente pubblicizzata come una che si è fatta strada con le unghie e con i denti dal populismo buonista di Walter.

37 comments:

Demonio Pellegrino said...

SEI UN GRANDISSIMO. L'avevo detto io che queste tipe erano solo specchietti per le allodole...

Anonymous said...

Ma perchè quanto scritto nell'articolo non lo pubblicizzate un po'?
il modo credo non vi manchi.

Trattato di Roma said...

Anonimo, se hai suggerimenti sono i benvenuti, io più di incoraggiare le persone a partecipare posso fare ben poco...

TdR

Anonymous said...

Sono un sostenitore del PD e sono davvero incazzato per questa storia! Ma come è possibile fare una idiozia simile... Propongo a tutti i simpatizzanti del PD di inviare una mail a Veltroni per protestare contro questa scelta contraria ad ogni logica... Io sono un elettore di Roma e sono disgustato dall'idea che - grazie al porcellum - il mio voto debba portare in Parlamento una ragazzetta raccomandata con la puzza sotto al naso!

Demonio Pellegrino said...

ti ho messo un link dal mio post di oggi...

Trattato di Roma said...

Anonimo - hai ragione e sicuramente il porcellum non aiuta le cose visto che ormai decidono i segretari di partito. Fosse per me farei un sistema come quello inglese, con i sigoli candidati a sfidarsi direttamente e chi prende un voto in più vince.

Per quel che riguarda Veltroni forse fai prima ad andare direttamente al loft del circo massimo e spiegargli che Marianna Madia candidata capolista è proprio la ragione per cui l'Italia non funziona. Dopo lamentarsi dei raccomandati RAI, ad esempio, perde di significato!

Demonio - sempre grande come al solito, grazie! e soprattutto gran bel restyling al blog, ora si legge molto meglio.

Demonio Pellegrino said...

Anonimo, io voto a destra, ma ho lo stesso problema, grazie al porcellum. Hai notato come anche a sinistra ci si sia pero' sempre ben guardati dal dire che bisognava reintrodurre le preferenze nelle varie proposte di riforma della legge elettorale?

Dammi retto: destra e sinistra sono concordi nel non farci scegliere i nostri rappresentanti. Concordo con Trattato: un bell'uninominale secco e via. Ma in italia no.

Anonymous said...

Grandissimo!!! Sono d'accordo con chi dice che dovete pubblicitizzarlo di più. Questa ragazza non è altro che un'ennesimo specchietto per le allodole...altro che ricercatrice!!!
Credo che gli italiani non siano così stupidi da abboccare a queste cose e si rendano conto che veltroni è la semplice continuazione di Prodi...altro che novità!!!! FORZA PDL!!!!!!!

Anonymous said...

posso pubblicare questo tuo post sul mio blog?
ilcavaliereerrante.ilcannocchiale.it

Anonymous said...

Non credo sia l'unica figlia di ...in Italia. Possibile che in tanti abbiano scelto lei? Per gli incapaci raccomandati si apre soltanto qualche porta. Non così tante. E soprattutto a 27 anni. Forse avrà anche delle capacità...

Anonymous said...

anch'io sono una sostenitrice del PD ma la vedo diversamente. Penso che quando hanno scelto di candidarla avranno pensato bene a quali critiche sarebbero andati incontro (:S). Ci sono tanti figli di.. Se hanno scelto lei forse avrà anche delle capacità.
Il fatto che abbia ricevuto la stima di più persone nonostante la giovane età è un buon segno.
Non bisogna avere pregiudizi al contrario..vediamo che fa. Abbiamo messo il paese nelle mani del Berlusca e ci lamentiamo di una ragazzetta?

Trattato di Roma said...

Cavaliere Errante, vai pure e pubblica sul tuo blog il post (se mi linki pure ricambi...ti sto linkandoi ora)

Anonimi vari - certo se sei un figlio di ma non hai un minimo di materia grigia nel cervello allora è tutto inutile. Mi viene in mente il caso del figlio di Pertini, che faceva ammattire tutti, compresa la scorta presidenziale ed era noto per non essere né uno stakanovista né una cima.

La Madia avrà sicuramente le sue capacità, tra l'altro sicuramente parla molto bene il francese, vista la scuola che ha frequentato! Il problema (oltre la raccomandazione s'intende, perchè quella è sempre un problema, anche se fosse stata Rita Levi Montalcini la raccomandata) è che te la vendono come la povera ricercatrice uscita dal nulla, mentre è da anni che orbita intorno alla gerarchi PD.

Sul fatto del programma televisivo poi non ci sono scusanti: quante ne conoscete che lavorano alla Presidenza del Consiglio, ci lavorano da quando si sono laureate e hanno un programma televisivo in RAI a 27 anni?

Anonymous said...

concordo praticamente in toto con il tuo intervento....solo una cosa:
a me continua comunque a scandalizzare di più la telefonata tra saccà e berlusconi...non tanto perchè raccomando ballerine e puttane, quanto per il semplice fatto che stava cercando di cambiare, al di fuori delle regole democratiche e della competizione elettorale, la maggioranza in parlamento...lo definirei un tentativo di colpo di stato imbelle...non credo sia solo perbenismo

Demonio Pellegrino said...

Anonimo, quello che tu definisci "cambiare, al di fuori delle regole democratiche e della competizione elettorale, la maggioranza in parlamento..." si chiama politica, purtroppo. E va avanti, in Italia, dal Governo depretis.

Poi, a voler parlare di democrazia, berlusconi al senato le elezioni le aveva vinte. Ha avuto piu' voti di Prodi.

lauraetlory said...

Tutto questo mi inquieta e mi intristisce. Sono di sinistra, da sempre e certo Marianna Madia non appare come la mia candidata ideale. Non conoscevo Stefano Madia, però. se mi è concesso, vorrei dire una cosa: un programmista-regista Rai (quale io sono) non può pagare 4000 euro di retta scolastica. Probabilmente Stefano Madia, essendo anche un attore, aveva altre entrate perché la mia ultima busta paga superava di poco i 1500 euro (grazie ad una certa dose di straordinari). Detto questo e senza nulla togliere al magnifico lavoro giornalistico svolto dall'autore di questo post (che conto di segnalare sul mio blog), parlare di raccomandati Rai come se tutti coloro che vi lavorano debbano per forza avere uno sponsor politico... non mi sta bene. Non sono importante io, non sono mai apparsa sul Corriere della Sera (a parte per un mio romanzo recensito senza che io chiedessi nulla), ma lavoro in Rai da cinque anni, dopo dieci nella carta stampata e non ho mai usufruito di una raccomandazione. Mio padre era un portalettere. Sui giornali ho firmato perché so scrivere e per lo stesso motivo mi hanno chiamata in Rai (io non ho mandato neanche il curriculum perché non ci pensavo proprio, mi hanno chiamata loro). Quindi prima di dire che tutti in Rai sono raccomandati, pensiamoci, perché non è così e non sono io la sola eccezione.
Laura

Anonymous said...

Nihil novi sub solem...

Anonymous said...

perfetto..mi sta bene...chiamare un dirigente rai per far saltare la maggioranza si chiama 'politica'..se accetti questo non capisco però perchè ti scandalizzi per una qualunque marianna madia...anche questo è 'politica'...di bassa lega ma va avanti dal governo depretis

poi berlusconi avrà anche vinto al senato...ma la legge che creava questo casino a palazzo madama l'ha fatta il suo governo...va bene, sono i soliti discorsi, mi dispiace per la banalità, ma sarebbe bene tenerne conto nell'analisi

Trattato di Roma said...

Laura - sono sicuro che in RAI lavorano migliaia di ottimi professionisti che si meriterebbero sicuramente qualche Euro in più. Però devi anche ammettere che ci lavorano alcuni individui che forse sono stati imposti nelle segreterie di partito ed altri famosi per i loro cognomi illustri.

Sicuramente il fatto che in RAI assumano gente che mi sembra capace come te è una ottima notizia, perchè tante volte, e scusa se lo dico, tutta questa qualità dietro le quinte non compare nei programmi in palinsesto (specialmente su RAI 1).

Anonimo, nessuno ha detto che accetto le telefonate Berlusconi-Saccà, anzi. Rappresenta la dimostrazione di un malcostume tutto italiano, sicuramente da eradicare...anche se non vedevo e continuo a non vedere estremi di reati gravi tanto da giustificare la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dei brogliacci.

Sul porcellum, 100% con te, una legge talmente sbagliata che perfino chi l'ha scritta se ne schifa può continuare ad esistere solo in Italia.

Demonio Pellegrino said...

Laura - concordo. Pero' infatti a te Veltroni non ti ha chiamata....

Anonymous said...

si che poi sembra che quelli che NON abbiamo avuto il tempo di frequentare i politici perché ci siamo laureati a pieni voti, abbiamo fatto il dottorato, vinto il concorso di ricercatore e di professore, tutto una cosa dietro l'altra senza respiro e che semplicemente siamo stati bravi e forse anche fortunati, ma insomma, che siamo andati da soli senza conoscere nessuno, dicevo, sembra che noi che non siamo né precari, né amici degli amici, non siamo degni di rappresentare i 'giovani industriosi'...

Anonymous said...

L'inesperienza della politica citata dalla Madia al primo incontro con la Stampa - a piazza S.Anastasia- è stata da tutti (i media) equivocata. Purtroppo -per Lei- la neo-candidata dichiarando la sua assoluta inesperienza,ha usato una perifrasi pericolosa poiche il termine è semanticamente carico di significati alternativi. Da qui hanno commentato ritenendo che "inesperienza" potesse voler significare "ignoranza" oppure "mancanza di impegno" o peggio che la fanciulla rasentava un profilo volutamente casalingo e quindi negante non solo la valenza politica, ma anche quella delle proprie facoltà tecniche, quelle aquisite con lo studio e la selezione del dottorato. Ad un tratto sembrava che Uolter- Caligola avesse voluto candidare una qualsiasi "velina di sinistra" strappandola dai fornelli, o dalle brame sessuali di qualche potentato, magari per l'esigenza disoddisfare qualche raccomandazione impostagli dall'alto. MA STIAMO TUTTI DANDO I NUMERI ??? Voi potete pensare che uno che si stà giocando tutto in questa partita come Uolter possa soddisfare le raccomandazioni impostegli dall'alto??? Ma siete fuori di testa??? Secondo voi quelli che si giocano tutto rischiando risorse proprie (produttori di cinema , allenatori e presidenti di squadre sportive) hanno spazio per le RACCOMANDAZIONI ??? Se rispondete di si avete i paraocchi o vivete completamente fuori dalla realtà. Guardate che le raccomandazioni vigono solo negli spazi comuni: ad esempio quelle della signora Mastella valevano solo negli ospedali della Campania, proprio perchè quegli istituti di cura erano NOSTRI e non della Mastella family...Fossero stati Suoi...Col Piffero che raccomandava qualcuno che non fosse il più meritevole... Chiaro...

Anonymous said...

A. sono pienamente d'accordo con l'ultimo anonimo visto che credo che ci siano ben altre situazioni in cui si accettino raccomandazioni..
B. senza offese per lo scrivente, ma prima di andarmi a impelagare sulla retta della scuola francese dove ha studiato la Madia magari sarà il caso di capire la differenza tra Gianni Letta e Enrico Letta.
C. Forza PD. Abbasso il PR (partito dei rosiconi).

Trattato di Roma said...

Per anonimo 1:

la raccomandazione politica è figlia del porcellum che non ti consente di esprimere rpeferenze. Fosse per me adotterei un sistema di tipo inglese, con un maggioritario puro, ma sembra che da noi non sia proprio possibile. Tu parli anche di produttori, e magari voglio anche credere che alla trasmissione Ecubo Marianna ci sia arrivata perchè è brava (anche se non mi sembra sia troppo qualificata su nessuna dell tre "e"), ma ciò non toglie che oltre a tanti bravi professionisti la RAI pulluli anche di gente catapultata dalle segreterie di partito.

Anonimo 2: la differenza tre Enrico Letta e Gianni Letta è l'anno di nascita. Sul PD secondo me è una buona formazione che però si sta impelagando sempre di più. Infatti prima Valtere ha detto che andavano da soli, poi ha raccattato Di Pietro (per cavalcare l'antipolitica di Grillo e il giustizialismo di Travaglio) e i Radicali (per l'anticlericalismo e contro Ferrara si presume). In aggiunta trovo che Walter stia diventando veramente antipatico quando (e lo sempre, ogni volta che apre bocca) se ne esce con una "lettera" o una "email" o un "messaggio" che gli hanno inviato i soliti casi umani che non arrivano a fine mese/gli è morto il gatto/non trovano un medico per fare un aborto/sono precari...etc.

Sappiamo bene che esistone queste realtà, non ci serve l'esercizio quotidiano di PR di Valtere che vorrebbe farci venire le lacrime agli occhi.

Secondo me non vincerà, ma non arriverà neanche al pareggio!

Anonymous said...

in merito alla risposta ad anonimo 2:
se Veltroni candida o parla di persone in difficoltà (economica,lavorativa ecc) sono dei casi umani e lo fa per farci venire le lacrime agli occhi. Se prende dei giovani professionisti con il sorriso sulle labbra, sono dei raccomandati che non sanno cos'è la vera vita. Praticamente anche se avesse avuto dieci anni per organizzare un concorso pubblico, non sarebbe stato possibile stabilire dei criteri. Anche perchè, da quando in qua il fatto di sapere fare network puo' essere un criterio a sfavore? Non mi sembra che Madia sia un nome da far genuflettere i capi di stato.. Forse l'unica incoerenza sarebbe se davvero la capolista del PD nel Lazio provenisse dallo staff dell'ex sottosegretario di Berlusconi, invece che di Prodi, come hai scritto erroneamente. Forza Walter!

Trattato di Roma said...

Caro anonimo, parlare di persone in difficoltà si può fare (e si deve) perchè oggi rappresentano la realtà di un' Italia con cui abbiamo a che fare giorno dopo giorno. Mi risulta difficile accettarlo nel modo in cui lo fa Walter, che se non sbaglio si mise a leggere una lettera ad un comizio di una ragazza che era deceduta da poco o roba simile (la memoria potrebbe ingannarmi...). Questo non è ascoltare i problemi della gente ma sciacallaggio vero e proprio.

I giovani professionisti non ho detto che siano tutti raccomandati...il PD ha candidato un operatrice di call center in Sicilia...tanto di cappello, ma non mi dire che Marianna Madia è l'ultima arrivata o una "giovane professionista con il sorriso sulle labbra". Se tre indizi fanno una prova, allora ci sono svariate prove del fatto che sia scesa dall' alto più che emersa dal basso.

Poi per carita non la conosco e magari (anzi probabilmente) è una ragazza intelligente e si merita tutto questo. Non si merita, però, che Veltroni la "venda" come la giovane ricercatrice emersa dal nulla, perchè non lo è...è la figlia di un suo caro e sfortunato amico. Poi possiamo continuare dicendo che questo malcostume nepotistico e trans-partitico e sono pienamente d'accordo, perchè è figlio del fatto che non si possa esprimere una preferenza per i candidati. Se si potesse, vedi che gente come Madia, ma anche tanti altri del centrodestra, non occuperebbero nessuno scranno.

Detto e chiarito questo ribadisco che tra i due Letta, secondo me, l'unica differenza è proprio l'età anagrafica, perchè sono due validissimi elementi entrambi e dispiace proprio che a turno uno debba essere fuori dai giochi.

E sono contanto di avere visite in quota PD, perchè il blog serve proprio a confrontarsi con gli altri, guarda se in Italia avessimo un Tony Blair gli darei anche io il mio voto...

Anonymous said...

E' incredibile come quando qualcuno cerchi di inserire delle innovazioni subito ci sia qualcuno che si alzi in piedi e vada a cercare il pelo nell'uovo per dire che comunque non va bene lo stesso
Votatevi De Mita, Cuffaro, la Carfagna e la Brambilla allora
Saluti

Andrea said...

ma che dite?

si chiama madia mica craxi o gassman. è un cognome come un'altro.

la madia è paracula, intraprendente e sfrutta bene i suoi agganci. lo fa chiunque ed è perfettamente lecito.

smettetela di rosicare e rimboccatevi le maniche.

Stefano G. said...

La mia collocazione politica è notevolmente distante da quella della Madia, non è dunque spirito di corpo che mi induce a scrivere, anzi! Tuttavia, dopo aver letto il tuo intervento, scritto in un blog che si offre come pubblico balcone, non posso esimermi dall’esternare la mia riflessione personale, antipatica ma sincera: il tuo articolo mi suona ingiusto, falso, fuorviante, reazionario, poco costruttivo, strumentale e perverso.

Ingiusto: perchè tu spacci per fatti certi ciò che in realtà possono essere, perquanto legittime, solo supposizioni;
Falso: perchè ti basi su una tecnica di giudizio che pretendi "matematica", del tipo due più due fa quattro, ma in realtà le circostanze da te rilevate, con il chiaro sapore di luogo comune, non producono così matematicamente il risultato indicato come ineluttabile (forse riferimenti di reale statistica avrebbero potuto costituire un più degno sostegno).
Fuorviante: perché il lettore non molto attento, o che comunque, a torto o ragione, ti dovesse attribuire un certo grado di autorevolezza, viene indotto ad accreditare informazioni ingiuste e false, anzichè essere spinto ad assumere criticamente osservazioni ed opinioni personali che possono più che legittimamente essere esposte ma che restano dichiaratamente opinioni personali (forse non hai realizzato quanto importante sia, oltre che corretto, far precedere l’esposizione delle proprie opinioni, da quelle semplici parole “Io ritengo” “io credo” “io penso”)
Reazionario: perché con la sola forza del luogo comune, neghi anche la semplice possibilità, se non l’esistenza, di un rinnovamento a cui tutti aspiriamo (personalmente sono certo che anche se avversario, sia preferibile e più costruttivo immettere nel nostro quadro politico nuove figure, forse non competentissime ma probabilmente foriere di novità ed entusiasmi piuttosto che non mantenere acclarati esperti della battaglia politica, resi sterili dalla fossilizzazione difensiva delle loro ormai superate ideologie).
Poco costruttivo: perché il tuo atteggiamento ingiusto, falso, fuorviante e reazionario, non è certo quello che occorre per dare una svolta (convertere) all’attuale ingiusto, falso, fuorviante, reazionario e distruttivo modo di fare politica.
Strumentale: perché sarei pronto a scommettere che anche nel tuo schieramento politico, qualunque esso sia, potrebbero essere individuate persone con caratteristiche analoghe o almeno di identica valenza. (i “cognomi” che spianano la strada non sono solo quelli del mondo economico! E il clientelismo, la protezione, la raccomandazione, il nepotismo fioriscono con molto più rigoglio ovunque sia radicata la convinzione di dover necessariamente proteggere e comunque, il gruppo di appartenenza).
Perverso: perché sempre, ove consapevolmente od inconsapevolmente (che meglio suona come irresponsabilmente) si usi un mezzo di comunicazione tanto esteso da costituire realmente mezzo divulgativo, sorge nello scrivente la responsabilità della corretta informazione; ogni ingiustificata deroga, specie se consapevole è connotabile come perversa.

Stefano

Trattato di Roma said...

Stefano per cominciare grazie per aver lasciato un commento, ti rispondo per parti seguendo la tua articolazione.

Ingiusto? Questo è un blog e va da se che qualsiasi cosa scritta e commentata è opinione solo dell'autore. Non ho mai detto che fossero fatti, anche se la maggior parte delle informazioni è stata ricercata e quindi almeno si avvicina al vero.

Falso? Forse no ci sono certezze, sicuramente è cosi, ma non esisteva anche il detto che tre indizi fanno una prova?

Fuorviante? Vedi Ingiusto, sono opinioni personali, vedo e sento di peggio su quotidiani e TG nazionali.

Reazionario? Ma che ben vengano queste nuove figure e che ben venga la Madia, dico solo che spacciarla per la "giovane ricercatrice" coem se fosse una uscita dal nulla, beh allora quello si è falso e fuorviante.

Poco Costruttivo? Questo non l'ho capito, mi sembra una ripetizione degli altri punti.

Strumentale? Eccome se ci sono!! Mandami i nomi e ti faccio un bel post pure su quelli. Ripeto - non ce l'ho con la Madia personalmente o perchè ha quel cognome, i raccomandati sono tutti uguali.

Perverso? Beh allora dovresti anche condannare praticamente mezza stampa italiana e tutta la TV probabilmente.

Qui non si pretende di scrivere il Vangelo Stefano, solo opinioni personali, mie, tue e di chiunque voglia dire "si sono d'accordo" oppure, come leggerai tra i commenti, "sei un c......." o roba simile.

Credo, e mi sembra di averlo già detto, che la prima vittima di tutto ciò sia la Madia stessa, che Veltroni ha ingiustamente messo nello "spotlight" facendola capolista e tirandola fuori magicamente dal cilindro. Che poi lei sia una con gli agganci giusti su questo (spero concorderai) non ci piove sopra. (tanto per capirci, io il quirinale l'ho visto solo da fuori).

Anonymous said...

io credo che sia meglio raccomandare una giovane laureata con fedina e coscienza pulita che vecchi fascisti come Ciarrapico o produttori di film pornografici (vedi candidati PDL circoscrizione estero). Ciao Sandro.

Trattato di Roma said...

Sandro, va da se che la Madia mi sembra una equilibrata e ragionevole e sicuramente porterà qualcosa di nuovo e fresco in parlamento.

Comunque al di la del fatto che Ciarrapico possa essere improponibile come candidato (e ineleggibile usando un qualsiasi altro sistema elettorale), mi chiedo se sia giusto fare la morale a uno che si dichiara fascista solo per il puro significato del termine.

Torquato della Garisenda said...

Grande post, che mi permetto di integrare con:
- foto in tribuna vip all'Olimpico con figlio di Presidente della Repubblica in carica;
- il contributo professionale della giovin economista: un documento in cui spiega che la precarietà si combatte con flessibilità e lavoro interinale;
oltre alle recenti dichiarazioni spalmate sulla posizione di Giuliano Ferrara.
Trovate tutto qui.

Anonymous said...

Vi domandate tante cose, fate tanti ragionamenti difficili, quando la risposta è molto più semplice... non avete ancora indovinato?

Anonymous said...

premessa: io voto Pdl. Detto ciò, leggendo le tante cose malevole scritte sulla Madia, mi ero fatto l'idea che si trattasse di una certa invidia diffusa come spesso accade quando a farcela è un giovane talento. Poi, sere fa, mi sono goduto la Madia (e non solo lei) a Porta a Porta da Bruno Vespa.
Sto ancora ridendo... e quella sarebbe "l'economista", la "ricercatrice"? LOL, insieme alla mora che ha dato dei camorristi a tutti i campani e alla bionda del Pdl completamente rintronata, la Madia ha fatto un trio che è risultato più comico delle Trio Medusa. Se questo è il nuovo che avanza... ridateci il vecchio.

giovanni said...

E' da non credere.

Se queste cose che sono scritte sul sito sono vere, ma sembrano ben documentate e pure lei stessa ne conferma diverse nell'intervista su corriere.it, beh...che dire ?

Più che il nuovo che avanza, forse è preferibile il vecchio che ci avanza! D'altronde con quel cavallo da corsa di Uolter, ma cosa ci si può aspettare ?

Possibile che non ce ne siano uno non amico/figlio/parente di, che va avanti ? Più cresco più mi disilludo.

Ciao a tutti, e viva l'Italia.

novade19 said...

Per me parlare di raccomandazione non ha senso in questo caso. Si tratta di raccomandazione quando un papà primario piazza un figlio idiota nell'ospedale in cui lavora e magari gli rimedia anche una cattedra all'Università.
Se invece Veltroni,dovendo scegliere delle persone da candidare, dato che le primarie non erano possibili, lo fa chiamando persone che conosce, mi sembra corretto: non pretenderete che le prenda davvero per strada?!
Cosa c'entrano le raccomandazioni ora?
Il fatto che Marianna Madia sia in molti modi legata alla politica a me sta benissimo.I politici presi a caso dalla società civile" non mi sembra abbiano fatto una grande riuscita (vedi Lega Nord). Ci possono essere eccezioni, anche tante magari, ma in generale è vivendo la politica sin da giovani che si può diventare bravi. Se no, appunto, si finisce per costruire partiti come Forza Italia e la Lega Nord, buoni per fare "anti politica" e non politica.
Per quanto riguarda poi il fatto che la Madia sia ricca di famiglia, è ridicolo che qualcuno si scandalizzi. Chi lo fa ha gli occhi chiusi e continua a non vedere che la sinistra è cambiata, e da molto tempo. Poi quando si trova difronte all'evidenza se la prendete con la sinistra che non rispetta la propria natura perchè non candida solo operai e contadini.
Sul problema delle intercettazioni "Berlusconi-Sacca", io penso che chi non vede la differenza tra questo e la candidatura della Madia, ha una strana idea della democrazia e i commenti che ho letto sembrano dimostrarlo.

Sovranità Limitata said...

Novade, nessuno si scandalizza per il fatto che la madia avesse contatti politici e per il fatto che sia ricca. Ma ci fa parecchio ridere la panzana di lei come simbolo dei precari italiani. Suvvia, non scherziamo.

Non vedere quanto tutta la questione sia ridicola mi pare un controsenso...